75 pensieri su “Domande & Risposte

  1. adrian90

    Salve, sono locatario di un immobile con un contratto d’affitto ” 4+4″ , in questi anni l’immobile è stato pignorato e successivamente venduto all’asta. Siamo tenuti a lasciare l’immobile subito, o abbiamo diritto a rimanere fino alla scadenza del contratto? Grazie anticipatamente

    1. admin Autore articolo

      l Suo contratto è valido se sottoscritto e registrato prima della trascrizione del pignoramento.
      In tal caso l immobile verra’ venduto all asta con l’inquilino con valido contratto.
      Per qualsiasi cosa siamo a sua disposizione.
      Saluti

  2. james003

    Ho un problema con un immobile pignorato, è sempre possibile la vendita di un appartamento pignorato prima dell’asta giudiziaria o soltanto a certe condizioni specifiche, se si quali sono?
    Saluti

    1. admin Autore articolo

      Salve James,
      è sempre possibile vendere un immobile pignorato di regola, a volte succede che il debito e’ troppo alto per essere transato sopratutto nel caso in cui sia intervenuta la equitaliagerit in tal caso consigliamo determinate procedure.
      Saluti

  3. lstaropoli

    buondi’, siamo proprietari di due immobili(appartamenti)al 50% io e il mio compagno e avendoli messi come garanzia per fidejussioni bancarie sui conti di una ns societa’che e’ poi fallita, ci sono stati pignorati da una banca.gli immobili sono entrambi sotto mutuo e che io sappia non e’ stata fissata nessuna data di vendita..il pignoramento e’ di circa 10 mesi fa..come funziona in questi casi?al di la’ del trattare con la banca, si puo’ nel frattempo affittare o vendere?e se si in che modo?l’appartamento potrebbe essere dato in usufrutto gratuito?grazie per l’attenzione che vorrete darmi
    saluti

    1. admin Autore articolo

      Salve,
      il mio consiglio ,in questi casi ,e’ quello di vendere e non subire l’asta cercando di trattare con i creditori il piu’ possibile.Chiaramente dovra’ essere seguita da uno studio esperto.
      Qualsiasi diversa disposizione di alienazione e’ inefficace nei confronti dei creditori.
      La vendita dovra’ essere fatta di fronte al giudice dell’ esecuzione .
      Per chiarimenti :0697845778 Alberto Cordici
      Saluti

  4. costanza

    scrivo per avere alcune informazioni.
    Ho un appartamento (dove abito) con due stanze libere che vorrei affittare con un contratto ad uso abitativo transitorio. Abito a Roma in zona San giovanni e vorrei sapere a quanto ammonterebbe l’importo per una stanza o per entrambe, il costo per la registrazione del contratto e gli oneri fiscali.
    Vi prego di rispondermi

    1. admin Autore articolo

      mi scuso per aver temporeggiato nella risposta,ma ho dovuto fare degli accertamenti prima di poter essere esaustivo.
      consideri che oggi una camera viene affittata al di fuori di una contrattualistica regolare intorno agli euro 400.
      per maggiori spiegazioni contatti Alberto Cordici. 0697845778

      Saluti

  5. Carmine

    Salve, vorrei affittare una stanza a studentessa in zona Montesacro di Roma. Quant’è il canone mensile in tale zona? E’ un palazzo di più di 40 anni, è necessario il certificato di sicurezza? La certificazione energetica? Sul contratto devo specificare una stanza, visto che i contratti da me letti parlano di unità immobiliare? Dove va registrato, una volta sottofirmato?

    In attesa, ringrazio

  6. mauriziop.

    Salve,
    mi sono da poco trasferito in un piccolo condominio a Roma composto da soli sei appartamenti; sino ad ora non hanno mai voluto avvalersi di un amministratore facendo a turno per occuparsi della gestione. Tutto ciò è consentito o sarebbe opportuno nominarne uno al piu presto?

    1. admin Autore articolo

      L’articolo 1129 del Codice Civile stabilisce che : “quando i condòmini sono piu di 4, l’assemblea nomina un amministratore” (la riforma che entrerà in vigore a giugno ha portato il numero minimo ad 8). Pertanto, negli edifici con meno di 5 condòmini, la presenza dell’amministratore è facoltativa (ma l’assemblea può ugualmente provvedervi); negli edifici con piu di 4 condòmini, la nomina dell’amministratore è obbligatoria. Non essendo però prevista alcuna sanzione in caso di inadempienza, tale obbligatorietà sta a significare esclusivamente che è diritto di ciascun condomino richiedere la nomina dell’amministratore all’autorità giudiziaria in caso di rifiuto da parte dell’assemblea.
      Distinti saluti

  7. piero58

    Buongiorno,
    abito in una zona di Roma molto trafficata e, avendo il condominio nel quale abito un ampio cortile a disposizione, stavo pensando di proporre alla prossima assemblea di trasformarlo in area destinata a parcheggio. C’è la possibilità che si possa realizzare?

    1. admin Autore articolo

      Salve piero,
      sì è possibile con una delibera adottata a maggioranza anche nel caso in cui nel Suo condominio vi sia un regolamento che lo vieti (pertanto non è necessaria l’unanimità). Inoltre la L. 122/1989 prevede una maggioranza agevolata per questo tipo di delibera.
      Un saluto

  8. skinkero

    Salve, nell’acquisto di una casa, la tenda da sole esterna rientra nel prezzo di acquisto dell’immobile? O se non specificato deve essere acquistata a parte con un sovraprezzo? Ci sono riferimenti di legge a riguardo?
    Distinti saluti

    1. admin Autore articolo

      Purtroppo la tenda non e’ compresa se non e’ stata specificata nell’oggetto della proposta di acquisto.
      Nel trasferimento di proprieta’ e’ previsto che si vendano le mura con tutte le accessioni servitu’ attive e passive ,impianti ecc.ecc.., ma una tenda da esterno e’ da intendersi come una tenda da interno…
      Cordiali saluti

  9. Giulia82

    Salve,

    abito a Roma in un condominio di 12 unità immobiliari servite dal riscaldamento centralizzato. Vorrei sapere se è possibile effettuare il distacco del riscaldamento e in che modo.
    Grazie.

    1. admin Autore articolo

      Dal 18 giugno 2013 entrerà in vigore la Legge n° 220/2012 la quale stabilisce che il condomino può effettuare il distacco dal riscaldamento centralizzato senza l’approvazione dell’assemblea di condominio, purchè dal suo distacco non derivino notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini, con una relazione tecnica rilasciata da professionista abilitato. in ogni caso il suddetto condomino resta obbligato al pagamento delle spese per la manutenzione straordinaria dell’impianto e per la sua conservazione.
      Cordiali saluti.

  10. cryboz

    Buongiorno,
    ho intenzione di acquistare un piccolo appartamento che mi permetterà di stare un paio di giorni a settimana, nel weekend, con il mio compagno, con il quale per motivi lavorativi e familiari non posso ancora convivere. Ad oggi abbiamo risolto grazie alla disponibilità di una coppia di amici che ci ospitava a casa loro ma ora vorrei trovare un’altra soluzione che in futuro possa anche diventare un investimento. Avendo bisogno dell’immobile per un paio di notti a sett non ho intenzione di affittarlo ma ho ricevuto una proposta da una conoscente che ha la nipote che inizierà l’università e che ben volentieri starebbe nell’appartamentino dal lun al giovedì. Io non voglio ricevere l’affitto, ma mi basterebbe che la persona in questione si occupasse delle spese. Mi chiedo però se sia possibile fare una cosa del genere senza incappare in problemi e sanzioni…Io non avrò la residenza in questo immobile perchè risiedo in un’altra città in un appartamento messomi a disposizione dalla mia famiglia. La studentessa che potrebbe risiedere una parte della settimana va registrata in questura? dobbiamo stipulare una qualche forma di contratto scritto o basta un accordo verbale? Quali spese incontrerei se dovessi fare un accordo scritto?
    grazie

    1. admin Autore articolo

      Le consiglio di studiare l’opportunita’ di una locazione stagionale ,non soggetta a registrazione ne’ a tassazione della durata di 29 giorni. e’ la formula piu ‘ snella . Se la convivenza riesce si proroga o si studia una diversa formula.per qualsiasi spiegazione ci chiami.
      buona fortuna

  11. mmoretto

    Salve. Ho acquistato un appartamento 3 anni fa.
    Ora sono intenzionato a spostarmi di zona e sto pensando a 2 soluzioni:
    – vendere l’immobile
    – mettere in affitto l’immobile.

    In ambedue le situazioni andro’ comunque in affitto nella nuova località.

    Visto che ho usurfruito delle agevolazioni su prima casa e mancano 2 anni al termine dei 5 anni cosa mi conviene fare economicamente parlando?
    a) mettere in affitto e attendere il termine dei 5 anni.
    b) vendere comunque e andare in affitto ( venderei allo stesso prezzo di acquisto )

    Se vendo quali sono i costi per la perdita delle agevolazioni?

    1. admin Autore articolo

      Salve Le chiedo scusa del ritardo nella risposta .
      Consideri che se Lei volesse vendere e ricomprare un’altra casa entro un anno, non decaderebbe dai benefici prima casa (dovendo cosi restituire il 7% (calcolato sulla rendita catrastale moltiplicata 126 ) piu ’30% di sanzione piu interessi . Anzi qualora ricomprasse,sempre entro un anno , al riacquisto la parte di imposta di registro(3%) che deve allo stato viene ridotta nella misura in cui aveva gia pagato le tasse nel precedente acquisto.
      Pertanto comprare o affittare e’ solo una questione di opportunita’ di mercato .
      in bocca al lupo
      cordiali saluti
      Alberto Cordici

  12. alexlop2510

    Salve, ho acquistato un immobile, facente parte di un edificio a 4 piani, nel novembre del 2009 con mutuo ipotecario.Qualche tempo dopo, visto che il periodo consentiva di risparmiare qualcosa sulla rata mensile, ho pensato ad una surroga del mutuo.L’operazione si è però bloccata per la nuova perizia che denotava “difformità tra lo stato di fatto ed il progetto approvato” sanabile con S.C.I.A. ai sensi dell’art. 37 DPR 380/01 e richiedendo nuova certificazione di abitabilità.Praticamente la planimetria catastale, in riferimento alla quale ho acquistato, depositata nel 1957, corrisponde all’attuale conformazione dell’immobile mentre il progetto, depositato nel 1955, riporta una disposizione del bagno e della cucina completamente differente (si trovavano dalla parte opposta e dove sono stati realmente costruiti non doveva esserci nulla, solamente l’ascensore quindi una parte destinata ad uso comune).Volevo chiederVi, sperando che le informazioni scritte siano sufficienti, se è possibile rivalermi per le spese da sostenere per regolarizzare l’immobile sul precedente proprietario (anche perchè, il notaio non ha responsabilità e la prima perizia non obbligava il confronto fra progetto e planimetria catastale esendo avvenuta prima del 01/07/2010).Grazie.

    1. admin Autore articolo

      Buonasera,
      La scia in sanatoria che ha riallineato lo stato di diritto e lo stato di fatto al livello urbanistico è uno strumento efficace per regolarizzare la nuova disposizione .
      Di fatto se lei vorrà vendere il suo immobile in futuro il notaio le potrà chiedere la licenza edilizia ( anche se ante 67) e gli estremi della sanatoria ultima .
      I progetti originali sopratutto quelli degli anni 50 ce ne fosse uno realmente corrispondente.
      Tutto questo è per tranquillizzarLa sulla commerciabilità e regolarità del suo immobile.
      Cordiali saluti

  13. teoroma

    Salve. Ho bisogno di capire bene una cosa. Ho trovato questo monolocale sfitto a roma. Praticamente è la casa del ex portiere del palazzo.L’attuale inquilino tra qualche giorno libererà la casa. I Propietari sono i condomini di tutto il palazzo. Oggi l’amministratore mi ha chiesto di inviargli una lettera per una proposta di affitto che andrà all’asta nella prossima assamblea di condominio.Mi ha consigliato di proporre la stessa cifra che paga tutt’ora l’inquilino. Volevo sapere se esisteva un fac-simile di tale proposta per l’asta o,se non esiste, se mi potete guidare per la presentazione di questa lettera. grazie Matteo

    1. admin Autore articolo

      Ciao Matteo ,
      non esiste un format specifico ,se vuoi ti mando un prestampato di proposta di locazione :

      PROPOSTA DI LOCAZIONE ai sensi della legge 431/98

      SOTTOSCRITTA DA :

      DIRETTA AL PROPRIETARIO:

      IMMOBILE:

      CANONE OFFERTO :

      DEPOSITO CAUZIONALE :

      DURATA CONTRATTO:

      CAPARRA A GARANZIA DELLA PROPOSTA:

      PROPONENTE LOCATORE
      per accettazione

      buona serata

  14. end117

    Salve,

    io con la mia ragazza da qualche settimana stiamo cercando casa. Ne abbiamo trovata una che ci interessa ed abbiamo fatto una proposta di acquisto per una cifra pari a quella suggerita dallagenzia immobiliare che ha in lavorazione questo immobile. Il giorno dopo mi chiama l’agente e mi dice che la proprietaria ha ricevuto un offerta di 3000 euro piu alta della nostra da un altra agenzia (il giorno prima mi aveva detto di averla in esclusiva) e che la avrebbe venduta a noi se avessimo raggiunto questa cifra, ma lui forzando la mano e rimettendoci 1000 euro della sua provvigione era riuscito a farcela prendere a noi per la cifra da noi offerta, ma che noi per questo servizio e visto che lui rinunciava ad una parte di provvigione, gli avremmo dovuto dare 1000 euro in piu a lui, ovviamente a nero.
    A me sembra un giochino. La casa ci interessa molto e non vorremmo perderla, ma allo stesso tempo non voglio stare a questi giochi. Come muoversi?
    Grazie.

  15. fau72

    salve, un paio di anni fa ho dato in comodato gratuito ad una mia amica un appartamento in quanto era senza lavoro e non poteva pagarmi alcun affitto. appena entrata ha preso la residenza. adesso che ha trovato il lavoro, come da accordi, dovremmo regolarizzare la situazione con un regolare contratto di affitto. cosa devo fare? grazie, arrivederci

      1. fau72

        grazie mille per la risposta. mi è rimasto un solo dubbio, visto che ha preso la residenza molto tempo prima del contratto di locazione, ancora da fare, possono esserci dei problemi per me o sottoscrivendo il contratto mi metto in regola del tutto? grazie ancora, arrivederci

  16. danix1988

    Salve, mio padre vuole intestarmi un appartamento pagato da lui, il quale diverrebbe mia prima casa e abitazione principale, vorrei sapere se legalmente è possibile che io continui a rimanere nell’attuale casa dei miei genitori, e far trasferire loro nella nuova casa registrata come mia abitazione principale, grazie

  17. flex

    Buongiorno,
    ho fatto una proposta per l’acquisto di una casa in corso di sanatoria.
    Nella proposta ho voluto mettere delle scadenze a lungo termine per avere il tempo necessario di procurarmi il muto; circa 6 mesi per il compromesso e 1 altro mese per il rogido. Ora i 6 mesi sono quasi scaduti e tutto il tempo è stato utilizzato dai venditori per terminare le pratiche di sanatori ed ottenere i documenti, i quali sono ancora da verificare dal perito della banca.
    A questo punto vorrei posticipare entrambe le date, compromesso e rogido ma, nonostante questa eventualità fosse già stata pattuita a voce, l’agenzia si rifiuta di spostare la prima (e di fatto mi costringe a versare il secondo pagamento concordato in fase di proposta).
    Sulla proposta è specificato che il venditore si impegna a fornire tutti i documenti necessari, ma non è specificato se questi devono essere presentati prima del compromesso o prima del rogido.
    Come devo comportarmi?
    Se i venditori non riescono a fornire tutti documenti e la compravendita non si conclude, posso chiedere la restituzione di quanto pagato all’agenzia?
    Grazie.

    1. admin Autore articolo

      L’ agenzia immobiliare non puo’ spingere nessuno a stipulare ne compromessi ne rogiti .
      qualora qualcuno Le manda una diffida ad adempiere,il minimo di giorni previsto dalla legge sono quindici.
      Lei e’ nella posizione di chiedere danni per il superamento dei tempi concordati nella definizione della sanatoria e per somme versate all’ agenzia.Pur non essendo specificato che la documentazione doveva essere fornita al preliminare ,se Lei ha previsto nella scrittura che parte delle somme provengono da mutuo,rimane implicito che la documentazione al perito ed al notaio per la relazione preliminare deve essere fornita almeno 30gg prima ,ecco qui che siamo arrivati ai tempi del preliminare.
      in bocca al lupo

  18. kido22

    posso obbligare il mio padrone di casa a rifare l’impianto elettrico nuovo?,ho un’impianto fatto 43 anni fa,senza contatore salvavita,(quello vecchio),ho bruciato una lavatrice,la nuova lavatrice non posso metterla a più di 60 gradi,allora si brucia.che posso fare?

  19. Sara

    Salve,
    ho bisogno di aiuto. Racconto tutta la storia poichè abbastanza lunga. Nell’estate del 2006 firmo mandato con una agenzia immobiliare per la vendita di una casa. Qualche mese dopo ricevo proposta di acquisto 65000 per una provvigione di 4500 euro. Vengo informata dall’agenzia che esistono delle piccole difformità tra quanto risulta nella planimetria (peraltro condonata 30 anni fà) e le rilevazioni attuali ma mi dice anche che all’acquirente non interessa fare uovo condono perchè tanto vuole completamente modificare la casa. Tuttavia poi l’acquirente per motivi personali rinuncia all’acquisto. Gennaio 2014 altra proposta di acquisto di 60000. Anche questo acquirente pur consapevole dei vizi accetta comunque e non richiede il condono. Atto di vendita fissato per il 27 Febbraio che tuttavia salta poichè l’acquirente cambia idea e vuole fissare l’atto di vendita a condono ultimato (non accetta nemmeno di introdurre una clausola all’atto in cui io mi obbligo a fare i lavori di adeguamento). Posso considerarla come una rinuncia? Inoltre l’agenzia immobiliare (che si era assunta lei l’obbligo di fare le rilevazioni) mi presenta i preventivi dei lavori solo dopo che io ho firmato la proposta di acquisto non mettendomi nelle condizioni di poter valutare il prezzo di vendita. Tanto più che al momento di accettare la proposta nulla dice al riguardo anzi avendomi più volte rassicurato nei mesi antecedenti che non ci sarebbero stati problemi. Così facendo mi ha messo in un bel casino. Cosa posso fare io? Ho qualche possibilità di uscita? Grazie per l’aiuto
    Cordiali saluti
    Sara

    1. admin Autore articolo

      purtroppo per valutare meglio la situazione dovrei leggere le carte per sapere che cosa era stato condonato
      cmq Le posso dire che l’ acquirente ha tutto il diritto di richiedere la concessione; resta bene inteso che si puo’ stipulare anche con la domanda di condono(47/85) e tutti i bollettini gia’ pagati….
      cordiali saluti

      1. Sara

        Salve,
        mi scuso se la disturbo ancora ma sono veramente alla disperazione. Allora per quanto riguarda il condono, si tratta di piccole difformità che riguardano la misurazione delle stanze (errori di 5 cm !!!) in più e questa è la difformità più grande si tratterebbe di alzare un muro di una stanza.
        Detto questo, l’acquirente mi chiede che per acquistare la casa a questo punto vuole uno sconto di 5000 euro. Può farlo?
        Io vorrei specificare altre due cose che prima non ho detto:
        1) io al momento della accettazione della proposta ero a conoscenza solo del muro mancante. Non sapevo di tutte le altre difformità. L’agenzia non è ha parlato.
        2) l’acquirente invece lo sapeva prima di fare proposta.
        3) non mi può essere imputato il problema del tempo necessario. Non è colpa mia se per condonare un immobile in questo paese ci vogliono 3 mesi. L’agenzia mi aveva detto solo del muro, e mi aveva detto che il problema non sussisteva (“in un giorno se vuoi si tira sù” – parole loro).
        4) Io ho intenzione di fare i lavori. Perchè dovrei scontare il costo della casa? Di 5000 euro? L’agenzia mi ha detto di acconsentire ma a me non sembra giusto!

        Inoltre hanno tirato fuori la storia che adesso sono costretti ad andare in altra casa e pagare in affitto a causa dei tempi. Ma la mia casa in vendita non è abitabile. Inoltre noi avevamo proposto di integrare l’atto di vendita con l’assunzione dell’obbligo da parte mia di fare i lavori. I questo modo l’atto di vendita si poteva fare subito se volevano. Da me c’è tutta la massima disponibilità….
        Non posso fare niente?
        Grazie ancora
        Cordiali saluti

    1. admin Autore articolo

      Salve Sara ,
      purtroppo puo’ fare ben poco aldila’ delle valutazioni su chi ha sottaciuto il problema, non si tratta di fare un condono ,ma una semplice cila in sanatoria.
      cmq se le 5000 acquistano la tranquillita’ vedi un po…
      magari chiude a tremila
      buona serata

  20. Andrea

    Buonasera,
    Vi scrivo in merito alla seguente situazione: in questo periodo sto cercando una casa da acquistare all’estero, precisamente a Varsavia. Io sono sposato e intesterei a mia moglie, che è cittadina polacca, questo appartamento. Per il nostro nucleo famigliare si tratterebbe di una seconda casa di proprietà. Il mio problema è che vorrei farmi una idea il più chiara possibile sulle tasse che dovrei pagare allo stato italiano all’atto dell’acquisto e negli anni avvenire nella mia particolare situazione: sto facendo un po’ fatica ad orientarmi nella giungla delle leggi italiane in materia. So che ovviamente ci sono da pagare anche tasse in Polonia, ma mi preme chiarire il quadro di quelle italiane.
    Potete aiutarmi o comunque indicarmi una fonte chiara e completa dove posso trovare le informazioni che cerco?
    Vi ringrazio in anticipo per il Vostro aiuto e per i consigli che mettete a disposizione in questo sito: davvero molto utili.
    Cordiali saluti,
    Andrea

    1. admin Autore articolo

      buongiorno Andrea
      se sua moglie e’ residente in italia dovrebbe pagare lo 0,76 % annuo del valore immobiliare.
      p.s. ritengo quanto meno opinabile che sua moglie debba pagare le tasse in Italia di un immobile comprato nel suo paese.

  21. Wakka

    Buongiorno,
    Vi scrivo per chiedere delle delucidazioni in merito al seguente acquisto di immobile:
    risultano ipoteche giudiziali, nello specifico un pignoramento posto in essere da un noto istituto di credito per il fatto che il proprietario non riusciva a pagare le rate del mutuo.
    La domanda è questa… è possibile acquistare una casa pignorata chiedendo però contestualmente un mutuo?
    Tramite legale sono stati presi accordi con tutti i creditori intervenuti e identificati dal notaio. Tutti si sono impegnati formalmente a rinunciare al pignoramento e la banca accetta una somma a saldo e stralcio.
    Ora da quel che ho capito, anche leggendo il vostro sito, l’acquisto e la cancellazione davanti al giudice dell’esecuzione del pignoramento dovrà avvenire contestualmente con la presenza di tutti gli attori… eppure il notaio che mi segue non è ancora riuscito (da tre settimane) a fornire alla banca a cui ho chiesto il mutuo che corrisponde al 50 per cento del valore di acquisto la relazione “modus operandi” richiesta.
    E’ veramente così complicato riuscire a fare questo acquisto che oltre a consentire la vendita di una casa da la possibilità al proprietario di evitare l’asta e di avere sicuramente meno problemi evitando disastri familiari ancora peggiori. Grazie.

    1. admin Autore articolo

      Effettivamente farsi mutuare un bene immobile pignorato non è cosa facile. Eventualmente mi chiami la prossima settimana e le daro’ dei suggerimenti.

  22. simona riso

    buongiorno
    la mia situazione è questa: tramite agenzia immobiliare sono andata a visionare un appartamento di 220 mq con annessa cantinetta e posto auto inserito nel locale garage di proprietà dei condomini (come da pubblicità sul sito). Il prezzo richiesto ammonta a E. 185.000 (come riferitomi dall’agenzia).
    Ho fatto una formale offerta in agenzia di E. 170.000.
    Dopo aver sottoscritto la mia proposta di acquisto l’agenzia mi ha riferito che il prezzo richiesto è di E. 175.000 ma che i non è incluso nè il posto auto nè tantomeno la cantinetta.
    Sulla proposta di acquisto è stato dettagliato da parte dell’agenzia sia la casa che il posto auto che la cantinetta
    Premesso che se avessi saputo il vero prezzo di vendita la mia offerta non sarebbe stata quella ma inferiore ma riguardo al posto auto e la cantinetta come posso essere tutelata?
    L’agenzia si giustifica con un malinteso con la proprietaria ma in sede di visita dall’agenzia mi è stata fornita la piantina dell’appartamento e del garage con le relative visure catastali
    Cosa posso fare?

    1. admin Autore articolo

      purtroppo signora Riso e’ spiacevole, ma non ha molte frecce nel suo arco per ribattere .Vedrà che trovera’ di meglio
      resta inteso che se sono pertinenze (posto auto e cantina) sono difficili da dividere dalla vendita dell’ appartamento…
      in bocca al lupo

  23. francescorecchioni

    Buongiorno, potete aiutarmi sul seguente dilemma?
    Volevo sapere se i lavori di rifacimento delle tubature del bagno della casa di mio nonno di cui è l’usufruttuario e di cui ha venduto la nuda proprietà, rese necessarie da una perdita sul soffitto nel piano di sotto, rientrano tra le manutenzioni ordinarie o straordinarie (art. 1004 e 1005) e quindi di chi sono a carico.
    Grazie,
    Francesco Recchioni

    1. admin Autore articolo

      Di massima competono al nudo proprietario ai sensi del 1004 e seguenti cc. In caso di controversia e’ il giudice di merito che appurerà se trattasi o meno di opere straordinarie i cui costi gravano sul nudo proprietario.
      Cordiali saluti

  24. sandro

    Salve,
    l’oggetto è un “appartamento” ultimo piano di 70 mq ma non il classico lavatoio su di un terrazzo condominiale ma facente parte di una schiera di appartamenti , sopra di loro poi c’è il terrazzo non praticabile condominiale.l’altezza dell’appartamento è di 2.40/2.50 internamente poi modificato dopo l’acquisto da lavatoio (open space) in soggiorno con angolo cottura ,2 camere, bagno terrazzo e posto auto assegnato, condominio presente.Il tutto facente parte di uno stabile di 3 piani con ascensore tutto piuttosto recente come costruzione.
    Domanda:
    nonostante i lavori fatti internamente risulta essere sempre lavatoio ma strutturato come appartamento, puo locare l’oggetto con il 4+4 ?
    considerando che non ha fatto nessuna sanatoria o cambio di destinazione.
    come potrebbe registrarlo all’agenzia delle entrate volendolo locare ad una famiglia?sta di fatto che come già detto prima, l’immobile si presenta in una situzione di abitabilità assoluta sotto tutti i punti di vista, parametri illuminotecnici, aerazione, finestre regolari, tutto perferfettamente rispondente ad una vivibilità come fosse un appartamento abitabile a tutti gli effetti.
    Solo l’altezza è di 2.40/2.50.Le utenze ci sono tutte e sono allacciate a parte il metano che comunque è presente nella palazzina e nella fattispecie , l’appartamento ha il gas a bombole ma presdisposto al riscaldamento con termosifoni preenti e predisposizione sul terrazzo alla caldaia oggi non predente.cucina a bombola per ora. altro dilemma la residenza del conduttore in questo caso?
    Grazie anticipatamente e scusate per la lungaggine.

    1. admin Autore articolo

      Ciao Sandro ,
      scusa l’attesa .
      Le risposte alle tue domande si riassumono in un “non si puo’ fare” .
      La sua urbanistica nonchè il suo catasto lo classifica come non abitativo pertanto non e’ un abitazione tantomeno agibile(l’ abitabilità oggi si chiama agibilità) .Non si puo’ locare come abitazione ,non si puo’ registrare il contratto .Non potrai mettere la residenza.
      p.s.l’ altezza non e’ di legge per ottenere l’agibilità come abitativo..
      buona fortuna per la tua ricerca

  25. klaudia

    Salve! Avrei bisogno di una consulenza.
    Le spiego brevemente il problema: io e il mio fidanzato abbiamo fatto una proposta di acquisto, tramite agenzia immobiliare, per comprarci una casa in provincia di Milano. Abbiamo specificato sulla proposta di acquisto alcune condizioni per noi imortanti come la data del rogito e la sitazione catastale aggiornata, ma queste non possono essere rispettate dal venditore: La mancanza di documentazione catastale ha già fatto saltare la data del compromesso; inoltre non sarà possibile rogitare nei tempi concordati sulla proposta.. E quindi a questo punto vogliamo sapere se possimo chiedere alla controparte di restituirci il doppio della caparra versata e incassata dai proprietari il giorno che hanno accettato la nostra proposta di acquisto???? Loro si rifiutano di restiture la nostra caparra perchè secondo loro il fatto che salta la data del rogito e per colpa della burrocrazia e che loro hanno presentato i documenti per la sanatoria (per alcune modifiche che hanno fatto in casa, che hanno buttato giù un muro in cucina) ma che la partica è lenta.
    Ripeto per noi era importante rogitare nel giorno stabilito perchè se no, a questo punto possiamo prenderla con calma a cercare un altra casa.
    Resto in attesa di una sua gentile risposta alla presente mail. Cordialmente
    k.c

  26. admin Autore articolo

    Salve Claudia
    Una proposta accettata a tutti gli effetti rappresenta un preliminare . La somma versata alla proposta data a titolo di caparra confirmatoria fa nascere diritti ed oneri riconosciuti sacri dal cod civile . È chiaro che chi accetta deve avere documenti in regola … Lei può agire contro i proprietari chiedendo il doppio della caparra ma prima li deve diffidare ad adempiere 1454 cod proc civile
    Buona serata

  27. Iris

    Salve, ho bisogno di una consulenza, voi potere aiutarmi?
    La storia è un po’ lunga, cercherò di essere breve.
    Avevo fino a poco tempo fa una casa in un posto di montagna in provincia di Roma, che fu fatta costruire da mio nonno tantissimi anni fa e ci andavo da quando ero nata e sono, insieme a mia madre, davvero legatissima a questo posto e a questa casa. Quando mio nonno morì, la ereditò mia madre e i suoi due fratelli (a cui non interessava niente di questa casa).
    Uno dei fratelli di mia madre, persona sgradevole con la quale non ci sono rapporti, ha avuto dei problemi di soldi per dei casini che ha fatto (da quanto ci risulta) e di conseguenza, senza dire niente a nessuno, per avere un prestito ha ipotecato questa casa in montagna… Purtroppo poteva farlo perché aveva la procura generale. Dopo di che non ha più pagato la rata dell’ipoteca e la casa è andata all’asta. I miei genitori appena sono venuti a conoscenza di tutto questo avrebbero voluto comprarla all’asta per riaverla, ma per problemi economici non hanno potuto. La casa poi se la solo aggiudicata all’asta due persone e questo risale a circa un anno fa.
    Perdendola ingiustamente per colpa di una persona che ha agito di nascosto per i suoi tornaconti…
    Io e i miei genitori vogliamo riaverla…! Anche riacquistandola in qualche modo da queste persone. Sperando capiscano la situazione e vogliano.
    Cosa posso fare per riavere questa casa?

    1. Iris

      Capisco. Comunque pensa che se mi consulto con un avvocato e magari si riesce ad avere un incontro con gli attuali proprietari proponendogli di acquistarla a un prezzo maggiore rispetto a quanto l’hanno acquistata loro può essere una buona idea?
      Magari mettendo per iscritto che ce la vendono appena gli diamo la somma concordata, si potrebbe fare?
      Oltre questo, la prego di dirmi qualsiasi idea o possibilità le venga in mente.

  28. Antonella

    Buongiorno sono interessata all’acquisto di un immobile e vorrei fare una proposta ma l’agenzia mi ha comunicato che la casa proviene da una donazione, cosa mi consigliate di fare?
    Grazie in anticipo per la risposta.

    1. admin Autore articolo

      Buongiorno Antonella,
      le consiglio di essere molto prudente in quanto la donazione viene definito un atto ‘debole’, perché può essere impugnato da un ipotetico erede legittimario (genitore, coniuge o figlio del donante) per 10 anni dalla morte del donante e 20 dalla data di stipula dell’atto di donazione.
      Pertanto il mio consiglio è quello di proporre al proprietario tramite l’agenzia la risoluzione della donazione onde evitare problemi attuali in caso di richiesta di un mutuo e futuri per un eventuale rivendita dell’immobile.
      Cordiali saluti

  29. Rob

    Salve, la legge stabilisce che per ottenere le agevolazioni prima casa l’acquirente deve trasferirvi la residenza entro 18 mesi dall’acquisto.
    Non mi è chiaro però cosa accade dopo. Sono un consulente informatico e per motivi lavorativi potrei essere costretto a trasferirmi in un’altra città anche poco dopo l’acquisto della prima casa. Cosa succederebbe in questo caso? Perderei le agevolazioni prima casa essendo costretto a pagare
    la differenza più gli interessi più la sanzione?
    Grazie!

  30. Anastasia

    Buongiorno! Sono una cittadina ucraina e tra pochi mesi verrò a studiare a Padova. Potrebbe dirmi se c’è la possibilità di comprare l’appartamento pagando l’affitto (cioè rent to buy) nel mio caso, dato che avrò il permesso di soggiorno per motivi di studio e poi troverò un posto di lavoro?
    Grazie per l’attenzione!

    1. admin Autore articolo

      Buongiorno,
      si certo da poco più di un anno c’è la possibilità anche in Italia di comprare un appartamento con il rent to buy ma deve prima trovare un proprietario disposto ad accettare questo tipo di compravendita.
      In bocca al lupo!
      Saluti.

  31. andrea83

    Buonasera ho ereditato un immobile insieme a 2 fratelli. Abbiamo messo in vendita l’immobile circa 1 anno fa e abbiamo ricevuto delle offerte ma non abbiamo trovato un accordo per colpa di 1 dei 2 fratelli.
    Vorrei sapere se legalmente esiste una soluzione oppure dobbiamo aspettare chissà quanto tempo prima che siamo tutti d’accordo?
    Grazie.
    Andrea

    1. admin Autore articolo

      Buonasera Andrea,
      La migliore cosa è trovare una soluzione interna.
      Altrimenti potete chiedere la divisione giudiziale e addirittura la vendita della casa all’asta al fine di dividervi il netto ricavato dalle spese di giudizio. Per qualsiasi cosa possiamo consigliarti gratuitamente una volta che capiamo qual’è l’origine del problema ( vecchi rancori , ottenimento della casa, più denaro )
      Buona serata

  32. admin Autore articolo

    Buongiorno Bianca,
    e’ possibile prendere un mutuo con tutti gli istituti (per un accordo chiamato “Basilea 3”).
    Serviranno tutti i requisiti del mutuo normale:
    1) redditi
    2) anagrafici
    3) documenti inerenti il bene ; pertanto ti consigliamo di scaricare la perizia dal sito astegiudiziarie.it e chiedere al tuo istituto se occorre altro

    stai bene attenta che devi essere seguita per liberare l’immobile da persone, cose,iscrizioni e trascrizioni, debiti condominiali degli ultimi due anni.
    qualsiasi cosa ci chiami
    cordiali saluti

    1. admin Autore articolo

      Buongiorno Paolo,
      le consiglio di subordinare la proposta all’ottenimento del mutuo altrimenti nel caso in cui non venga rilasciato il mutuo dalla banca il proprietario ha la facoltà di trattenersi l’assegno versato come caparra.
      Buona giornata.

  33. Elisabetta

    Buongiorno sto acquistando un immobile e ho già fatto una proposta. Ho chiesto all’agente immobiliare l’agibilità e mi ha risposto che al momento non è disponibile mi ha anche detto che non è un documento necessario per il rogito.
    E’ vero o l’agenzia è tenuta a consegnarmelo prima del rogito?

    1. admin Autore articolo

      Buongiorno Elisabetta,
      l’agente immobiliare ha detto in parte la verità: per le nuove costruzioni (realizzate successivamente al 30/06/2003) l’agibilità è obbligatoria,
      mentre per gli immobili costruiti prima di tale data non è obbligatoria. Tanto più per gli immobili antecedenti al settembre del ’67
      per i quali nell’atto di vendità in luogo degli estremi della licenza edilizia può essere prodotta una dichiarazione sostitutiva di atto notorio nel quale si dichiara che l’opera risulta iniziata in data anteriore al 2 settembre 1967.
      Inoltre legittimano l’agibilità gli immobili con planimetria d’impianto del ’39.

      Saluti

Lascia un commento